Eni: cosa aspettarci dopo la scoperta del maxi giacimento?

Dopo la scoperta del maxi giacimento di gas naturale in Egitto, il titolo azionario ENI torna nuovamente al’interno di un zona di prezzo molto importante. Il cane a sei zampe chiude segnando una performance positiva di 1,53%, nonostante una giornata molto debole per quanto riguarda i titoli italiani a più alta capitalizzazione. Elevato anche il volume di pezzi scambiati, per un totale di 36 milioni. Analizzando il tutto attraverso le oscillazioni di prezzi vediamo che quell’area situata a 14,70, che ha rappresentato da inizio anno un importante punto di supporto per la quotazione del titolo, torna nuovamente ad essere valida e confermare la sua importanza come zona di scambio fondamentale tra compratori e venditori. Con il crollo dei mercati cinesi, che hanno portato ENI a forti discese causate dalla svalutazione di materie prime, abbiamo avuto un breakout di questo importante livello di supporto che ha quasi toccato i minimi di inizio anno. Il movimento avuto successivamente con forti acquisti del titolo vicino ai minimi, aiutato anche da una ripartenza dei mercati dopo le forti vendite, ha portato nuovamente il titolo vicino la zona di 14,70 che grazie alla notizia rilasciata domenica torna nuovamente in questo range di contrattazione. Se dovessimo avere dei movimenti di prezzo che vadano a dimostrare una nuova tenuta di questo livello, segnale che le sedute in positivo non siano state solo dei movimenti dati dall’euforia degli investitori davanti alla scoperta del maxi giacimento, potremmo vedere nuovi acquisti. Trovandoci davanti a una situazione instabile di mercato, in cui abbiamo forti deprezzamenti delle materie prime, investire in un titolo correlato con delle commodities è sicuramente una scelta rischiosa. Prima di acquistare nuovamente il ENI, che dimostra essere ancora in campo positivo da inizio anno, bisognerebbe vedere il suo comportamento su questa zona di prezzo. Quando si lavora su livelli chiave si è sempre davanti a una scelta che dà la possibilità di acquistare in aree che portano risk/reward importanti ma possono rivelarsi rischiose e sopratutto molto pericolose per il proprio capitale.

ENI